Lunedì, 28/07/2014 - ore 12:17:44
Casa&Clima.com
beta v1.0
 
Barcellona 2050, il porto diventa luogo di ritrovo
Sviluppato da un gruppo di studenti del Master di Architettura, FlexHubDock ribalta il concetto di porto, che per la prima volta si apre a tutti i cittadini
Lunedì 14 Novembre 2011
Stampa o crea un PDF dell'articolo

porto_primaFlexHubDock, letteralmente “Centro Porto Flessibile”. Si tratta del progetto realizzato da un team di apprendisti architetti dell'Institute for Advanced Architecture of Catalonia per la città portuale di Barcellona.

Unire porto e città.
L'idea è quella di mettere in contatto porto e città e aprire una zona tradizionalmente riservata al commercio e al turismo a tutti i cittadini, ampliandone la funzionalità e garantendone la sicurezza.
porto2
Riqualificazione.
Il progetto immagina per la Barcellona del 2050 una zona portuale completamente riqualificata: l'intera area viene trasformata in un nuovo polo, dove sono riunite attività commerciali, logistiche, ma anche ricreative e culturali, per attrarre un pubblico variegato. In questo modo, spiegano gli studenti, l'intera superficie risulterebbe in grado di funzionare sia come attracco per navi, che come grande piazza pubblica rivolta sul mare.

porto1

Superficie modulare, flessibile e intelligente.
Le tecnologie digitali hanno permesso alla squadra di progettisti di concepire e realizzare un sistema modulare e smart in grado di adattarsi a diverse esigenze e a diversi utenti contemporaneamente. Nel progetto di FHD, infatti, gli spazi possono apparire e sparire a seconda delle necessità, sempre monitorati da un sistema centrale. L'iniziativa ha trovato nei cittadini i più strenui sostenitori: l'idea di poter disporre di una grande area attrezzata e sicura in prossimità del mare ha coinvolto l'intera città.

porto5

porto4

Il progetto, fanno sapere gli studenti, promette inoltre caratteristiche di eco sostenibilità e autosufficienza energetica.

porto6

QUESITI NORMATIVI FISCO E MATTONE
SMART CITY Mobilità sostenibileInfrastrutture urbaneEnergia e cittàPolitiche sostenibili
TECH RicercheInnovazioni
INVOLUCRO SerramentiMateriali ediliCoperture orizzontaliIsolamentoStrumentazioneRivestimenti
IMPIANTI
ClimatizzazioneRisparmio idricoGeneratori di caloreDistribuzioneSistemi di regolazioneReti idricheSolare termicoComponentiRefrigerazione
PROGETTI Solar Decathlon Europe 2014Nuovi edificiRiqualificazioniInfrastrutture
ITALIA Ultime notizieDA NON PERDEREEstero
Il parere di...SentenzeAppaltiProfessioneRegioniLeggiNorme TecnicheGreen EconomyMercatoPratiche autorizzativeFiscoLavoro
ESTERO ScenariBest PracticeEuropaAmericaAsia | Oceania
BREVI Dalle AziendeEnti LocaliNormativaAssociazioniMercato
ACADEMY Certificazione degli edificiInvolucroImpianti elettriciIlluminazioneSostenibilitàImpianti TermomeccaniciEnergia AmbienteMaterialiAnalisi degli edificiRiqualificazione energeticaMiti da sfatare
Progettazione ed efficienza
EVENTI FiereCorsiConvegni
BANDI ConcorsiBandi
RIVISTE Rivista CASA&CLIMAAbbonarsi a CASA&CLIMAAiCARR journalAbbonarsi a AiCARR journal
RINNOVABILI FotovoltaicoEolicoSolare TermicoBiomasse
CogenerazioneGeotermiaAccumuloEfficienza EnergeticaIncentivi e regolamenti
CONTATTI Contatti QuineChi siamoCome abbonarsi a Casa&ClimaCome abbonarsi a AiCARR JournalPrivacy
Casa e Clima © 2007-2014 Quine srl - via Santa Tecla 4 - 20122 Milano P.I. 13002100157
È vietata la riproduzione di articoli, notizie e immagini pubblicati su casaeclima.com senza espressa autorizzazione scritta dell'editore.
L'Editore non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori contenuti negli articoli né per i commenti inviati dai lettori.
Powered by Joy ADV