Giovedì, 28/05/2015 - ore 17:52:45
Casa&Clima.com
ISSN 2038-0895
 
Climatizzare con il ghiaccio
In una cittadina californiana verrano installati i primi condizionatori "a ghiaccio"
Mercoledì 26 Maggio 2010
Stampa o crea un PDF dell'articolo

fc03-2803La città di Glendale si appresta ad attuare un progetto per rinfrescare gli ambienti durante i caldi pomeriggi californiani. In pratica si tratta di convertire i surplus di energia elettrica in ghiaccio. Questo sarà prodotto durante la notte, quando la richiesta di energia elettrica è bassa, e utilizzato in seguito per far funzionare gli impianti di condizionamento durante le ore più calde, ossia quando il consumo per il raffrescamento è maggiore.


53 MW di energia

Già nelle prossime settimane, negli edifici pubblici della città, circa 28, verrano modificati gli impianti di condizionamento, a quali verrà inserito un apparecchio, chiamato Ice Bear, in grado di produrre circa 1700 litri di ghiaccio durante la notte. Nel giro di 2 anni però dovrebbero essere installati 6.000 dei dispositivi, in un totale di 1.500 località, e il conseguente immagazzinamento di 53 Megawatt di energia.


tech_icebearMezza giornata lavorativa
Durante il giorno è invece previsto che tutti gli impianti entrino in funzione al mattino e si spengano automaticamente nel primo pomeriggio. Dopo lo spegnimento dalle bocchette uscirà aria raffreddata solamente prodotta con il ghiaccio per circa 6 ore, ossia finché il ghiaccio non si sarà sciolto, con una conseguente riduzione di 7,2 kW di energia sul carico di picco. Dopo di che i condizionatori torneranno in funzione.


Consumi ridotti del 95%
Secondo le stime di Ice Energy, azienda ideatrice del sistema, durante le ore di picco il 40-50% dell’energia elettrica consumata da un edificio serve per il condizionatore. Con questo sistema i consumi verranno ridotti del 95%. L'azienda non ha però specificato quanta energia elettrica servirà per produrre il ghiaccio e quanta ne verrà risparmiata.

RIVISTE
SMART CITY Mobilità sostenibileInfrastrutture urbaneEnergia e cittàPolitiche sostenibili
TECH RicercheInnovazioni
INVOLUCRO SerramentiMateriali ediliCoperture orizzontaliIsolamentoStrumentazioneRivestimenti
IMPIANTI meccanici ClimatizzazioneRisparmio idrico
Generatori di caloreDistribuzioneSistemi di regolazioneReti idricheSolare termicoComponentiRefrigerazione
IMPIANTI elettrici FissaggiIlluminazioneDomoticaPannelliComponentiGestione carichiGenerazione elettrica
ITALIA Ultime notizieDA NON PERDERE
EsteroIl parere di...SentenzeAppaltiProfessioneRegioniLeggiNorme TecnicheGreen EconomyMercatoPratiche autorizzativeFiscoLavoro
RINNOVABILI FotovoltaicoEolicoSolare TermicoBiomasse
CogenerazioneGeotermiaAccumuloEfficienza EnergeticaIncentivi e regolamenti
ESTERO ScenariBest PracticeEuropaAmericaAsia | Oceania
BREVI Dalle AziendeEnti LocaliNormativaAssociazioniMercato
ACADEMY
Certificazione degli edificiSicurezzaInvolucroImpianti elettriciIlluminazioneSostenibilitàImpianti TermomeccaniciEnergia AmbienteMaterialiAnalisi degli edificiRiqualificazione energeticaMiti da sfatareProgettazione ed efficienza
EVENTI FiereCorsiConvegni
BANDI
ConcorsiBandi
QUESITI NORMATIVI FISCO E MATTONE
PROGETTI Solar Decathlon Europe 2014Nuovi edificiRiqualificazioniInfrastrutture
QUESITI TECNICI FAQ INVOLUCROFAQ IMPIANTO
In cantiere... Case History involucroCase History impianti
RIVISTE Rivista CASA&CLIMAAbbonarsi a CASA&CLIMA
AiCARR journalAbbonarsi a AiCARR journal
eBook ImpiantisticaFiscoEdiliziaProgettazione
CONTATTI Contatti QuineChi siamoCome abbonarsi a CASA&CLIMACome abbonarsi a AiCARR JournalPrivacy
Casa e Clima © 2007-2015 Quine srl - via Santa Tecla 4 - 20122 Milano P.I. 13002100157
È vietata la riproduzione di articoli, notizie e immagini pubblicati su casaeclima.com senza espressa autorizzazione scritta dell'editore.
L'Editore non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori contenuti negli articoli né per i commenti inviati dai lettori.
Powered by Joy ADV