Giovedì, 24/04/2014 - ore 13:12:44
Casa&Clima.com
beta v1.0
 
L'Aquila, le termografie bocciano 85 edifici del progetto C.A.S.E.
Un'indagine di Legambiente denuncia l'inefficienza delle abitazioni post-terremoto
Venerdì 6 Luglio 2012
Stampa o crea un PDF dell'articolo


termo_laquilaDopo aver analizzato termograficamente nell'ambito della campagna sull'efficienza energetica degli edifici "Tutti in classe A" le 16 tipologie di edifici costruiti nell'ambito del progetto C.A.S.E. a L'Aquila, Legambiente ha rilevato che in 7 tipologie diverse di edifici sono presenti criticità rilevanti nella tenuta termica delle superfici opache esterne. Queste 7 tipologie e i relativi difetti riguardano ben 85 edifici localizzati nelle frazioni di Sant’Elia, Tempera, Bazzano, Paganica sud, Paganica 2, Roio Poggio, Assergi, Coppito, Sant’Antonio, Camarda, Gignano, Cese di Preturo.

Difetti
Nello specifico, i tecnici di Legambiente hanno rilevato dalle termografie un isolamento non omogeneo delle superfici, con conseguente dispersione del calore. Da ciò ne deriva una distribuzione non uniforme delle temperature che variano tra i 3 e i 6 gradi, con particolari dispersioni in corrispondenza di pilastri, solai, balconi e nelle stesse superfici di tamponamento. Tutti problemi riconducibili a difetti di progettazione e di costruzione, di scelta dei materiali e di messa in posa.

"In questi edifici - hanno dichiarato Francesca Aloisi presidente del circolo di Legambiente L'Aquila e Edoardo Zanchini, vicepresidente nazionale - si hanno condizioni di scarso comfort per le famiglie, sia d’inverno che d’estate, malgrado dovessero essere modelli esemplari per i sistemi di costruzione grazie ai pannelli solari termici e a diverse tecnologie di efficienza energetica. Certo il problema non riguarda solo le nuove abitazioni de L'Aquila e per questo chiediamo a Governo e Regioni che siano introdotte regole chiare e controlli per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio. Perché non c’è più alcun motivo per non costruire in "Classe A" di certificazione, ossia con la giusta attenzione a quei criteri di sostenibilità e efficienza che consentono una migliore qualità della vita e di azzerare la spesa in bolletta dei cittadini”.

Ma tecnologie e competenze c'erano, altrove
Questo non è il primo incidente avvenuto alle new town volute dal Governo Berlusconi. Nel passato si sono segnalati problemi agli impianti e alcuni difetti esecutivi negli isolatori antisismici. Tuttavia non possiamo dire che il Governo abbia lesinato sul lato economico del bando, né che lo sconto per i lavori sia stato particolarmente aggressivo, (nella media del 6/8%). Come il report di Legambiente sottolinea non tutte le case del progetto Case hanno mostrato dei difetti.

Il "peccato originale" era però a monte. Nel bando della Protezione Civile mancava la richiesta di requisiti specifici come l'attestazione SOA di qualificazione per esecuzione di lavori specialistici di tipo prefabbricato e industrializzato, tipologia costruttiva qui adottata per le note ragioni cronologiche. Questo ha consentito ibridi raggruppamenti di imprese che poca esperienza avevano nella tipologie costruttiva e ancora meno con la cura progettuale ed esecutiva per l'eliminazione dei ponti termici. L'ennesima occasione sprecata.

ALCUNI EDIFICI E COSTRUTTORI "SOTTO OSSERVAZIONE"

 

dagostino

consta

Progetto C.A.S.E. Sant'Elia 1
D'Agostino Angelo Antonio Costruzioni Generali Srl
Progetto C.A.S.E. frazione di Bazzano
Consorzio Stabile Consta

 

taddei esi

Progetto C.A.S.E. frazione di Roio
Impresa Costruzioni Giuseppe Maltauro Spa/Taddei Spa

Progetto C.A.S.E. frazione di Bazzano

Coge Costruzioni Generali Spa/Consorzio Es


Per maggiori informazioni sul progetto C.A.S.E., clicca qui

SMART CITY Mobilità sostenibileInfrastrutture urbaneEnergia e cittàPolitiche sostenibili
TECH RicercheInnovazioni
INVOLUCRO SerramentiMateriali ediliCoperture orizzontaliIsolamentoStrumentazioneRivestimenti
IMPIANTI ClimatizzazioneRisparmio idrico
Generatori di caloreDistribuzioneSistemi di regolazioneReti idricheSolare termicoComponentiRefrigerazione
PROGETTI Nuovi edificiRiqualificazioniInfrastrutture
ITALIA Ultime notizieDA NON PERDEREEsteroIl parere di...SentenzeAppalti
ProfessioneRegioniLeggiNorme TecnicheGreen EconomyMercatoPratiche autorizzativeFiscoLavoro
ESTERO ScenariBest PracticeEuropaAmericaAsia | Oceania
BREVI Dalle AziendeEnti Locali
NormativaAssociazioniMercato
ACADEMY Certificazione degli edificiInvolucroImpianti elettriciIlluminazioneSostenibilitàImpianti TermomeccaniciEnergia AmbienteMaterialiAnalisi degli edificiRiqualificazione energeticaMiti da sfatareProgettazione ed efficienza
EVENTI Fiere
CorsiConvegni
BANDI ConcorsiBandi
RIVISTE Rivista CASA&CLIMAAbbonarsi a CASA&CLIMARivista AiCARR journalAbbonarsi a AiCARR journal
RINNOVABILI FotovoltaicoEolicoSolare TermicoBiomasseCogenerazioneGeotermiaAccumulo
Efficienza EnergeticaIncentivi e regolamenti
CONTATTI Contatti QuineChi siamoCome abbonarsi a Casa&ClimaCome abbonarsi a AiCARR JournalPrivacy
Casa e Clima © 2007-2014 Quine srl - via Santa Tecla 4 - 20122 Milano P.I. 13002100157
È vietata la riproduzione di articoli, notizie e immagini pubblicati su casaeclima.com senza espressa autorizzazione scritta dell'editore.
L'Editore non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori contenuti negli articoli né per i commenti inviati dai lettori.
Powered by Joy ADV